Autore Topic: olio hpx, qualcuno l'ha provato sulla gs??  (Letto 27496 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

gs074

  • Visitatore
ciao ragazzi, vi chiedo se qualcuno ha provato il suddetto olio nel motore della gs. La mia col motore nuovo la roderò con il total minerale 15w40, poi i miei amici dell'officina mi hanno consigliato di fare il cambio dopo il rodaggio con appunto l'HPX viste le tolleranze del motore raffreddato ad aria che potrebbe consumare un po' troppo olio e col tempo fumare qualcosa

leggendo su internet però ne ho lette di cotte e di crude riguardo sto fantomatico HPX e l'impressione dai commenti di tutti non mi è sembrata delle migliori. Sembra che inizialmente funzioni bene, poi dopo un po' dia i colpi di grazia al motore, specialmente a freddo essendo abbastanza denso tende a lubrificare poco

qualcuno sa dirmi qualcosa?
  

Offline francygalle

L'olio HPX l'ho usato sulla Zx 1400 dimezzando il consumo d'olio senza riscontrare problemi.
In famiglia lo usammo una decina di anni fa sulla vecchia Fiat Ritmo 75 e sulla Bx 16 Halley con buoni risultati e nessun problema.

Sicuramente è un'olio più denso infatti l'HPX è 20W50 e con climi molto freddi non è consigliabile.
Lo userei solo se il consumo di olio fosse molto elevato (sulle macchine sopracitate eravamo arrivati a 1 litro ogni 1000 km...)

 [:wave]
Citroën C5 Tourer 2.0 HDi 163cv Executive / Citroën C4 1.6 16v Elegance 5p / Citroën Xantia 2.0 HDi Activa
  

Offline nissino

Scusate ma secondo me il motore GS non e' molto paragonabile col motore della ZX, BX o Ritmo. Quello GS e' un boxer, dunque con cilindri orizontali, che per la sua concezione fuma quasi sempre un po' all'avvio. A fermo l'olio trassuda un po' a traverso le aperture delle 3 fasce. Questo perche' sulle prime GS non c'e' nessun fermaglio che tiene le fasce in una determinata posizione.

Se hai rifatto completamente il motore della GS, non vedo assolutamente perche' usare l'HPX. Per quanto riguarda il 20W50, in effetti non e' consigliabile per clima molto freddi. Ma l'Italia non e' molto freddo, escluso forse il Trentino, dunque va benissimo usare quel'olio. Non ho tutti i dettagli su HPX, ma e' meglio stare sul minerale e se prorio vuoi scendere un po' il primo numero per migliorare la liscosita per basse temperature, dunque  per esempio 15W50.
  

Offline francygalle

Scusate ma secondo me il motore GS non e' molto paragonabile col motore della ZX, BX o Ritmo. .

Certamente, è tutt'altra cosa un motore GS rispetto a quelli sul quale ho provato l'HPX.
Ho portato questi esempi solo per dire che l'olio in oggetto non ha causato problemi.

 [:wave]
Citroën C5 Tourer 2.0 HDi 163cv Executive / Citroën C4 1.6 16v Elegance 5p / Citroën Xantia 2.0 HDi Activa
  

Offline anto4ever2cv

Ciao ragazzi! Finalmente torno a frequentare il citroforum!  [:allops] [:prosit]


Fossi in te eviterei l'HPX..sopratutto su un motore nuovo! Non è un olio adatto a questi motori e sia noi che un nostro amico meccanico di 2Cv abbiamo avuto brutte esperienze con questo lubrificante. Con una nostra 2Cv dopo pochi km abbiamo fatto fuori un pistone...il nostro amico qualche motore!


Alla Charlie di mia madre abbiamo sempre e solo usato il Castrol GTX magnatec 10 40 che crea un velo protettivo sulle parti meccanice lasciandole sempre protette. Il motore gira na favola! Stessa cosa alla mia 2Cv transat. Solo ultimamente visto il kilometraggio ( 226.000 km) e quindi le possibili tolleranze (anche se la mia non consuma olio) ho pensato di metterne uno più denso BP 20 50 (che sarebbe la casa madre della Castrol). Il motore si sente abbastanz abene anche se a freddo fatica un pochino!
Ah dimenticavo, ciambiamo l'olio ogni 5000 km!  [;)] [:kiss]


En avant Citroen!
2Cv 6 Charleston bigrigia 84
2Cv 6 transat 83
Visa II Club blanc meije 82
ID 19B gris cyclone 66
CX 2400 GTi gris perle 83
XM injection IV livello gris perlé 90
Xantia Activa Turbo CT gris quartz 95
Xsara Picasso HDi rouge lucifer 00
C6 HDi Exclusive noir obsidien 07
  

Offline gigio

  • Citro-amateur
  • **
  • Post: 119
Ciao a tutti.
Dunque ricordo di avere provato l'HPX sulla Gsa di mio padre nel 1992, con il motore a 110000 km che bruciava qualche goccia d'olio ogni tanto.
Era il periodo in cui provavo oli motore di tutti i tipi alla ricerca di quello più adatto, e mi sono lasciato tentare dalla pubblicità alla TV.
Credo proprio che sia in assoluto l'olio meno adatto ai bi/quadri cilindrici raffreddati ad aria poichè, appena messo, ho notato subito un eccessivo aumento della condensa allo scarico come non era mai successo prima.
Era primavera ma la Pallas lasciava fumate di vapore come a 20 sotto zero.
Inoltre, il motore scaldava troppo ( ricordo che dalle bocchette del riscaldamento, fuoriusciva un vento da asciugacapelli a manetta ), "in maniera esagerata" dsse mio padre che si sbrigò a togliere la mascherina immediatamente, onde evitare spie rosse accese sul cuscotto.
Dopo 1000 km,  o meno, l'HPH finì col filtro alla raccolta oli usati, mentre abbiamo rifatto il pieno con il Castrol GTX, che non èstato più lasciato fino alla fine ( 160000 Km )
Ora, sulla mia X3, si viaggia a Total Quartz 7000 con l'aggiunta di 250cc di Sintoflon ( Addittivo a base di teflon ) collaudato da molti anni sulla mia moto e sulla vecchia Ford.
Mi risulta che altre GS usino questo addittivo ( ciao Nissino .......) e del resto.....................basta provarlo per rendersi conto che funziona.
Ovvero, motore che gira liscio, silenzioso e fa le fusa come un gatto. Unico neo è il prezzo ( 20 eurozzi per 125 cc ) però la differenza si sente davvero.
  

Offline thewizardofwiz

 :o
ragazzi. ragazzi...
che cosa leggono mai le mie incredule pupille?
olio che surriscalda il motore?
olio che non lubrifica a freddo?
fasce che girano intorno ai pistoni?
cilindri orizzontali = fumo a freddo?
HPX che fa fuori un pistone?
olio cambiato dopo 5000km?
l'olio denso fa condensa nello scarico  [A:D]
ma noooo  [A:spa]

l'HPX è un olio motore come gli altri
la gradazione è molto elevata => elevata viscosità sia a caldo che a freddo
questo è l'unico motivo per cui è consigliato per motori usurati o in climi MOLTO caldi

come per qualsiasi altro motore, l'olio da rodaggio dovrà avere una gradazione più bassa (bene un 0W30 per i primi 5-10mila km) per consentire il corretto adattamento delle superfici e smaltire il calore prodotto dallo sfregamento delle asperità -appunto- da rodare
cambiato olio e filtro al termine di questa prima fase, il lubrificante dovrà essere scelto fra le gradazioni suggerite dal fabbricante in funzione delle tolleranze di accoppiamento dei pezzi in reciproco movimento, del carico di lavoro e della temperatura cui sarà chiamato a lavorare il propulsore.
benvenga un 0w30 come un 5w40 per uso generico, ma anche un 15W50 per uso intensivo inclimi caldi, come anche un 5W per climi eccezionalmente freddi e scarso uso (funzionamento solo a freddo, carichi medi ed utilizzo breve)
maggiore è il carico motore, maggiore la temperatura ambiente, più alta sarà la gradazione richiesta per il lubrificante (=viscosità più elevata)

 
se il motore surriscalda o peggio si danneggia (il pistone che si rompe eccetera) quasto non è mai imputabile direttamente all'olio ma -sono pronto a scommetterci- su altri particolari trascurati o manutenzioni improprie, per non parlare di altri danni o malfunzionamenti non diagnosticati correttamente per tempo o modo.

nell'uso normale gli addittivi non sono necessari così come è ridicolo cambiare l'olio dopo 5000km o sei mesi: non spendete inutilmente i vostri soldi, fate solo ingrassare i venditori e PEGGIORATE lo stato di salute del vostro motore

qualche precisazione e suggerimenti
1) quando un motore consuma 1litro di olio in 1000km di uso normale (e sul normale ci sarebbe molto da parlare, vabbè...) sarebbe il caso di aprirlo perchè c'è sicuramente qualcosa che non va.
2) l'aumentata condensa allo scarico, a parità di tutti gli altri fattori, magari dopo il cambio olio significa che il motore VA MEGLIO, non peggio!
3) i motori ad aria hanno giochi più elevati, è normale consumino più olio soprattutto in caso di utilizzo per brevi percorsi, freddo, montagna eccetera, sino a 4 volte l'ipotetico motore uguale ma raffreddato ad acqua.
4) la fumata azzurra all'avvio potrebbe essere normale in determinate condizioni
5) benissimo l'HPX in un motore con 2-3-400milakm mai aperto, soprattutto se funzionante per lunghi periodi, con elevato carico ed alta temperatura ambiente (viaggio in autostrada con la roulotte al seguito, in meridione), purchè non ci siano altre cause di elevato consumo olio
6) IMHO per quelle che sono le mie esperienze e quelle di tutti gli amici meccanici auto e moto : lasciate perdere Castrol, BP, Motorcraft
6b) nei motori a benzina/GPL l'olio si può cambiare ad intervalli MOOOOLTO più lunghi di quelli suggeriti dalla casa, tipicamente ci si può orientare su 50mila km/4 anni. sulla mia macchina a GPL cambiavo l'olio ogni 1000mila km ed ho fatto poco più di 626mila km senza aprire il motore, sulla moto (1200cc raffreddato ad acqua) l'olio è stato cambiato a fine rodaggio e dopo a 100mila km. sulla defunta BX 17TRD cambio olio raccomandato a 20mila, sempre fatto a 30 o 35mila km, rottamata a 400mila km senza alcun intervento al motore. attuale Xantia TD cambio olio raccomandato a 15mila effettuato a 30-35mila attualmente 170mila km.
7) se proprio vi prudono in tasca alcuni biglietti da 10euro, bene il sintoflon ma meglio lo Z10X (fullrene puro). da aggiungere al cambio olio e tenere il più possibile (vedi 6b))

ricordate che il motore a combustione interna DEVE consumare olio, e nell'uso normale questo dev'essere -orientativamente, secondo varie filosofie di calcolo- circa 1/1000 del carburante consumato

saluti ben lubrificati
Fabio
  

Offline gigio

  • Citro-amateur
  • **
  • Post: 119
Sarà tutto così.
Qualche dubbio sull'HPX mi rimane.
Semplicemente perchè cambiato l'olio, messo un altro ( Castrol ) e fine della super condensa con ritorno alla precedenza.
Interessante questo Z10X? Price?
Un saluto. ( Nissino, esprimi qualcosa tu..... )
  

Offline thewizardofwiz

Sarà tutto così.
Qualche dubbio sull'HPX mi rimane.
beh, parafrasando con l'alimentazione umana: tutto fa bene, ma tutto fa male (se usato impropriamente)
a noi la migliore scelta, evitando le cose inutili
 ;D



Citazione
Semplicemente perchè cambiato l'olio, messo un altro ( Castrol ) e fine della super condensa con ritorno alla precedenza.
mah... sarebbe da vedere tutto: le condizioni atmosferiche, il carburante, lo stato del motore blablabla
troppo semplicistico e riduttivo pensare solo all'olio, soprattutto senza cercare una spiegazione (magari anche tecnicamente plausibile, eh...)


Citazione
Interessante questo Z10X? Price?
MOLTO interessante ma anche MOLTO caro
60-65euro per 250cc e relative difficoltà di approvvigionamento in alcune città (cercatelo nei negozi di tuning o preparatori di motori, non lo trovate nei normali autoaccessori/ricambisti)
IMHO se li vale tutti (senza nulla togliere al Sintoflon e pochissimi altri simili)
serve indifferentemetne per motore cambio differenziale impianto freni e AP lubrificati con olii di qualsiasi tipo. cambia solo la % da utilizzare, nessuna controindicazione
una nota simpatica circa lì'uso di questo prodotto
un tale che lo versa nel motore dell'utilitaria (una bella macchinetta nuova e bentenuta) dell'ignara ragazza.
un paio di giorni lei fa notare che la macchina non va bene è "troppo liscia" ma sbanda in curva.
escono insieme per provare la macchina, guida lei.
arrivati ad una rotonda alla fine di un breve rettilineo, la ragazza lascia il gas e la macchna decelera solo minimamente, arrivando un pochino troppo briosa in curva e scomponendosi vistosamente di retrotreno.
alchè lei dice: due giorni fa non faceva così, dev'essere successo qualcosa, io guido sempre allo stesso modo e vado sempre alla stessa velocità nel rettilineo (senza sapere che l'additivazione aveva ridotto sensibilmente il freno motore)
vi lascio immaginare la faccia ed i commenti del ragazzo...  ;D


 [:wave]
Fabio


PS con l'HPX in inverno, nei primi dieci km il motore sembra "addormentato"; in estate puoi viaggiare "a tavoletta" in autostrada e montagna senza alcuna paura (dove si può...)
« Ultima modifica: 10 Gennaio 2009, 17:48:43 da thewizardofwiz »
  

Offline nissino

Gigi, cosa vuoi che aggiungo? [affogo] Mi sa che TheWizardof OIL ne sa tante piu di me.  [A;flex]

Come per ogni discorso su l'olio motore ognuno ha un suo punto di vista (basata o no su vera connoscenza e esperienza).
Come lo dice Fabio, l'olio finale deve essere scelto in base a le gradazioni suggerite dal fabbricante del motore. Beh, ecco fatto: io uso il 20W50 Total Activa 5000 / GTS (principalmente d'estate su un motore nuovo) come scritto sul mio manuale uso e manutenzione.

Che durante il rodaggio dovrebbe essere utilizzato un olio diverso, piu fluido, non lo sapevo. Conviene che cambio olio sul mio motore appena rimontato?

Notte,
Nisse
  

gs074

  • Visitatore
infatti il discorso per il rodaggio interessa pure a me

a questo punto cosa mettere dato il freddo degli ultimi tempi? non vorrei che con tutto nuovo e il gelo di queste mattinate vado per girare la chiave e il motore gira tutto impastato per mancanza d'olio

un 5w40? o uno 0w30?

si ma che marca e tipo? ho visto il castrol magnatec che esiste 5w40 ed è minerale

altre marche che non sia un tipo sintetico? o al massimo un semisintetico

fatemi sapere
ciaoo
  

Offline francygalle

Riporto un esempio tratto dall'esperienza di mio padre nel settore trattori:

i trattori nuovi venivano forniti con olio normale, come previsto dalle specifiche del motore.
Nel caso in cui alcuni motori consumassero troppo olio a rodaggio ultimato, veniva fornito l'olio "da rodaggio", molto fluido. Questo olio veniva usato per 20 ore al massimo, col fine di adattare meglio fasce e canne. Dopo le 20 ore era tassativo rimettere l'olio da specifica.

Quindi, io metterei un olio normale (*) su un motore nuovo e mi porrei il problema dopo 5-10 mila km nel caso di consumo olio elevato.

* con normale intendo di buona qualità e della gradazione prevista dal costruttore in base all'uso e alle condizioni climatiche.

Nelle mie auto mi piace cambiare olio alle scadenze previste. A ogni cambio olio cambio anche il filtro, o al massimo lo cambio ogni due cambi olio. Facendo da solo, la spesa non è alta e sicuramente non faccio male. Viste le mie percorrenze, questo accade circa una volta all'anno..
 
Posso capire che l'olio possa durare molto di più, ma non so se ne valga la pena...

Si narra che l'Ing. Dallara sulla sua Fiat 1500 non cambiasse mai l'olio: solo cambio filtro e rabbocco...

Ogniuno faccia come crede, insomma....

 [:wave]
Citroën C5 Tourer 2.0 HDi 163cv Executive / Citroën C4 1.6 16v Elegance 5p / Citroën Xantia 2.0 HDi Activa
  

Offline thewizardofwiz

TheWizardof OIL
 ;D
carina questa, non l'avevo mai pensata nè letta

rispondo a tutti in ordine sparso
l'olio da rodaggio è necessariamente più fluido in quanto le parti da rodare possono presentare delle asperità  -appunto- da rodare, e questo processo sviluppa localmente molto più calore, che andrà efficacemente smaltito grazie al maggior flusso di lubrificante. in linea generale, semplificando quanche concetto, possiamo affermare che più un lubrificante è fluido, maggiore è il suo flusso per mantenere una data pressione. questo, nelle condizioni di rodaggio, è sicuramente un aspetto positivo
al contrario, su un motore già rodato e quindi utilizzabile al massimo del carico, può portare ad un eccessivo consumo di olio, con conseguente _possibile_ fumosità allo scarico (anche se non visibile è tranquillamente rilevabile dai comuni analizzatori di gas di scarico) ma l'aspetto peggiore, sicuramente possibile e facilmente verificabile nella realtà, è che la pressione nel circuito potrebbe NON ESSERE garantita. per fare questo occorre, ad esempio, che ci sia un 0W30 su un motore che lavora a pieno carico per diverso tempo in pieno giorno, estate, Puglia o Sicilia. al contrario, ma nelle stesse condizioni critiche, se il fabbricante raccomanda un 10W40 (che va bene per quasi tutti i motori, nella media delle condizioni climatiche e di utilizzo) non è sbagliato mettere un 15W50 o HPX. per motori che lavorano tante ore, è possibile o addirittura consigliabile un olio monogrado. sempre nell'esempio di sopra, andrebbe bene un SAE60 ma anche 70. i camion che lavorano nel deserto usano spesso questo tipo di olio, alcuni un po' più usurati possono anche essere lubrificati con SAE 80 o 90, oltre non conviene andare = il motore è sicuramente a fine vita
come potete capire, il concetto di olio "normale" è piuttosto elastico grazie alle ottime qualità dei lubrificanti odierni
che si tratti di un piccolo 125 4T, un 2000cc benzina o un 30000cc diesel turbocompresso, i discorsi cambiano ben poco

il discorso dell'olio da cambiare mai.. beh, sui motori a benzina sono il primo a confermarlo, forte delle mie esperienze dirette (più volte riportate su queste pagine) confermate anche da tutti gli amici che hanno avuto il coraggio di seguirmi

il consiglio rimane quello di non spendere inutilmente i vostri soldi: un olio BUONO e cambi MOLTO dilazionati nel tempo, se proprio non ve la sentite di "lasciarlo lì"
con i diesel si può tranquillamente raddoppiare l'intervallo previsto (purtroppo il nerofumo addensa troppo l'olio e ne rende inevitabile la sostituzione)

per l'avviamento: tutti i motori girano 10-50secondi "a secco" l'olio ci mette un tot a raggiungere la pressione e un certo tempo -finito- per essere pompato in tutti i condotti. se lasciate il motore spento epr qualche ora, immediatamente dopo l'avviamento potete chiaramente sentire il ticchettio delle punterie -anche idrauliche- che si attenua nel giro di qualche secondo [;)] questo dà la precisa idea di quanto ci mette l'olio per arrivare in testa e raggiungere la corretta pressione nel circuito

per il rodaggio il 15W40 male non fa, però non è il massimo per questa fase di adattamento.
se puoi cambiarlo con un 0W30 è meglio, a tutto vantaggio per la riuscita del nuovo motore. puoi raccogliere e conservare l'olio per usarlo dopo il rodaggio stesso.

per quanto riguarda la stima di consumo per il motore nuovo, nei primi 20mila km potrebbe esser normale anche 1 litro ogni 5mila km. l'importante che all'avviamento la fumosità sia minima.

a motore caldo e sempre dopo i primi 20milakm, verifica che in totale rilascio del gas da alto regime e marcia bassa ed anche con rapida, totale apertura del gas appena sottocoppia non ci siano sbuffi azzurri allo scarico (se il lavoro è fatto bene non dovresti nemmeno sapere di che si tratta  ;D)

in gamba!
Fabio
  

Offline velvet

  • Citro-fanatique!
  • *****
  • Post: 9501
TheWizardof OIL
 ;D
carina questa, non l'avevo mai pensata nè letta

rispondo a tutti in ordine sparso
l'olio da rodaggio è necessariamente più fluido in quanto le parti da rodare possono presentare delle asperità  -appunto- da rodare, e questo processo sviluppa localmente molto più calore, che andrà efficacemente smaltito grazie al maggior flusso di lubrificante. in linea generale, semplificando quanche concetto, possiamo affermare che più un lubrificante è fluido, maggiore è il suo flusso per mantenere una data pressione. questo, nelle condizioni di rodaggio, è sicuramente un aspetto positivo
al contrario, su un motore già rodato e quindi utilizzabile al massimo del carico, può portare ad un eccessivo consumo di olio, con conseguente _possibile_ fumosità allo scarico (anche se non visibile è tranquillamente rilevabile dai comuni analizzatori di gas di scarico) ma l'aspetto peggiore, sicuramente possibile e facilmente verificabile nella realtà, è che la pressione nel circuito potrebbe NON ESSERE garantita. per fare questo occorre, ad esempio, che ci sia un 0W30 su un motore che lavora a pieno carico per diverso tempo in pieno giorno, estate, Puglia o Sicilia. al contrario, ma nelle stesse condizioni critiche, se il fabbricante raccomanda un 10W40 (che va bene per quasi tutti i motori, nella media delle condizioni climatiche e di utilizzo) non è sbagliato mettere un 15W50 o HPX. per motori che lavorano tante ore, è possibile o addirittura consigliabile un olio monogrado. sempre nell'esempio di sopra, andrebbe bene un SAE60 ma anche 70. i camion che lavorano nel deserto usano spesso questo tipo di olio, alcuni un po' più usurati possono anche essere lubrificati con SAE 80 o 90, oltre non conviene andare = il motore è sicuramente a fine vita
come potete capire, il concetto di olio "normale" è piuttosto elastico grazie alle ottime qualità dei lubrificanti odierni
che si tratti di un piccolo 125 4T, un 2000cc benzina o un 30000cc diesel turbocompresso, i discorsi cambiano ben poco

il discorso dell'olio da cambiare mai.. beh, sui motori a benzina sono il primo a confermarlo, forte delle mie esperienze dirette (più volte riportate su queste pagine) confermate anche da tutti gli amici che hanno avuto il coraggio di seguirmi

il consiglio rimane quello di non spendere inutilmente i vostri soldi: un olio BUONO e cambi MOLTO dilazionati nel tempo, se proprio non ve la sentite di "lasciarlo lì"
con i diesel si può tranquillamente raddoppiare l'intervallo previsto (purtroppo il nerofumo addensa troppo l'olio e ne rende inevitabile la sostituzione)

per l'avviamento: tutti i motori girano 10-50secondi "a secco" l'olio ci mette un tot a raggiungere la pressione e un certo tempo -finito- per essere pompato in tutti i condotti. se lasciate il motore spento epr qualche ora, immediatamente dopo l'avviamento potete chiaramente sentire il ticchettio delle punterie -anche idrauliche- che si attenua nel giro di qualche secondo [;)] questo dà la precisa idea di quanto ci mette l'olio per arrivare in testa e raggiungere la corretta pressione nel circuito

per il rodaggio il 15W40 male non fa, però non è il massimo per questa fase di adattamento.
se puoi cambiarlo con un 0W30 è meglio, a tutto vantaggio per la riuscita del nuovo motore. puoi raccogliere e conservare l'olio per usarlo dopo il rodaggio stesso.

per quanto riguarda la stima di consumo per il motore nuovo, nei primi 20mila km potrebbe esser normale anche 1 litro ogni 5mila km. l'importante che all'avviamento la fumosità sia minima.

a motore caldo e sempre dopo i primi 20milakm, verifica che in totale rilascio del gas da alto regime e marcia bassa ed anche con rapida, totale apertura del gas appena sottocoppia non ci siano sbuffi azzurri allo scarico (se il lavoro è fatto bene non dovresti nemmeno sapere di che si tratta  ;D)

in gamba!
Fabio

Molto interessante questo discorso sugli olii.

Faccio una sola postilla: alcuni motori contemporanei, strano ma vero, richiedono cambi olio molto frequenti e con olio solo sintetico 0W40. Sono quei motori che per peculiarità o errore di progettazione sono soggetti al c.d. fenomeno dell' Oil Sludge, o morchia.

Fortunatamente non sono molti, sostanzialmente in Italia li si può incontrare nel gruppo VW (il 1.8 Turbo) e sulle Saab (i motori a basso attrito B205 e B235 da 150 a 235 CV). Questi motori, specie se usati nel ciclo urbano/misto, richiedo cambi olio attorno ai 9/10000 km con olio sintetico al 100%.
Se non si segue questa "piccola" avvertenza (inizialmente trascurata anche dai costruttori, che prevedevano cambi fra i 20 ed i 30000) si va incontro ad una sicura frittura mista di bronzine, con conseguente migrazione del motore verso il contenitore dei rifiuti ferrosi...
Tutto ciò avviene a causa del copioso passaggio di gas combusti dalla camera di scoppio unito ad una insufficiente ventilazione del basamento: questo provoca uno stress termico del lubrificante che gradatamente si emulsiona e si trasforma in gel, otturando il succhiello della pompa ed i condotti di lubrificazione. La conseguenza è inevitabilmente l'assenza intermittente di lubrificazione (senza che peraltro si accenda la spia dell'olio se non quando è ormai tardi).

Questa una lista parziale dei motori dove è meglio non farsi prendere dalla voglia di lasciare l'olio in coppa per molto tempo:

1998-2002 Chrysler 2.7 L LH V6
2001-2002 Dodge Stratus/Chrysler Sebring
1998-2002 Dodge Intrepid/Chrysler Concorde
1998-2003 Saab H engine B205/B235 I4
1998-2003 Saab 9-5 B235 2.3 L
1999 Saab Viggen B235 2.3 L
2000-2002 Saab 9-3 B205 2.0 L
2000-2003 Saab 9-3 convertible B205 2.0 L
1996-2001 Toyota 3.0 L 1MZ V6
August 1996-July 2001 Toyota Camry
June 1998-May 2001 Toyota Camry Solara
July 1997-May 2001 Toyota Sienna
July 1996-May 2001 Toyota Avalon
November 2000-July 2001 Toyota Highlander
August 1998-July 2001 Lexus ES300
January 1998-July 2001 Lexus RX300
1996-2001 Toyota 5SFE I4
August 1996-July 2001 Toyota Camry
June 1998-May 2001 Toyota Camry Solara
August 1996-April 1999 Toyota Celica
1997-2004 Volkswagen VW 1.8t I4
1997-2004 Audi A4 1.8t
1998-2004 Volkswagen Passat 1.8t
« Ultima modifica: 12 Gennaio 2009, 09:44:12 da velvet »
  

Offline Fedeesse

Ciao a tutti, discussione interessante.
Io mi son fatto la mia idea.
Parlando con alcuni meccanici qui della zona ho tratto le seguenti conclusioni:
- sui libretti uso e manutenzione mettono che il cambio olio e filtro va fatto ogni 20.000 o 30.000  "cosi il cliente non si spaventa ed è convinto che la sua macchina si mantiene con poco"....salvo poi vedere fuoriuscire dal tappo, in sede di tagliando, una brodaglia nerissima, grumosa e con residui. E' molto frequente poi che a cambio olio appena effettuato la macchina vada meglio di prima, con maggior fluidità di guida, minor fumosità e minor rumore.
il motore gira meglio con l'olio pulito, è un concetto molto semplice dopotutto, no?
Trucchetto: se si sta attenti alle offerte del supermercato si può portare a casa un olio di qualità(di marca intendo eh!) con poco perchè i centri commerciali a scadenze programmate mettono in offerta l'olio motore e l'ultima volta mi son portato a casa il total 7000 (mi sembra o ppure era il total 5000) 4 o 5 litri a 12 o 13 euro invece che 25 o 26, piu 4 o 5 euro il filtro dell'olio, con meno di 20 euro mi son fatto il tagliando; non penso che siano quei 20 euro ciò che manca all'appassionato.
Se vogliamo bene alle nostre pistolotte non facciamo gli spilorci, il tagliando si fa al costo di una pizza!
Detto ciò io tendo ad anticipare sempre i tagliandi.
sulla DS col motore nuovo (mi sembra che andava sostituito ogni 8000 stando al libretto U&M) lo cambio ogni 5-6000
la c5 2.2 hdi lo cambio ogni 11-12.000
la vecchia peugeot 106 (motore TU della BX AX LN Visa etc) lo cambio ogni 12-13.000.
beh, DS a parte, son tutte macchine con un elevato kilometraggio che però hanno mantenuto una meccanica molto efficente, non ci sono segni di usura, fumosità assente e piacere di guida immutato.
vedo che spesso si parla di viscosità, beh anche le viscosità riportate sui libretti U&M possono essere considerate indicative, questo perché la scelta della viscosità giusta non dipende solo dal tipo di motore ma anche da altri fattori quali lo stile di guida, la temperatura esterna, ecc. io non darei molta importanza alla viscosità come discriminante ma piuttosto spenderei un secondo per confrontare le specifiche API – ACEA. Le specifiche sono molto importanti perché stabiliscono dei requisiti minimi che il lubrificante deve possedere per essere idoneo al motore nel quale viene impiegato.
Sul libretto U&M viene indicata una o più specifiche di riferimento. Questo significa che per quel tipo di motore occorre un lubrificante con specifiche uguali o superiori a quella indicata ma mai minori.

Parlando di marche, la marca che viene riportata sui libretti, si tratta prevalentemente del frutto di un accordo commercialo stipulato tra costruttori di veicoli e produttori di olio motore, questo non significa che una macchina con un olio di un'altra marca non vada bene.

personalmente mi son trovato bene con gli oli TOTAL minerali(attualmente la mia prima scelta) e semisintetici, con l'Helix e con il SINT2000 dell'agip(consigliato da Fabrizio,attendibile diessista navigato)mentre mi son trovato male con i castrol, e con i motul.

Buon cambio olio a tutti