Autore Topic: Axel vs Oltcit su "Ruoteclassiche" di gennaio 2019  (Letto 1100 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline GilC3

Hai fatto bene a mettere le foto degli interni, perchè, se ho capito bene, su Ruoteclassiche hanno messo solo quelle dell'Axel a marchio Citroen. :happy: [:clap]
  

Offline toni

Ciao, il ritardo è dovuto un po' dal meccanico perché era intasato dal lavoro e c'era da revisionare la pompa freni perché l'auto è rimasta ferma 27 anni,  poi è stato necessario pulire il serbatoio dai sedimenti formatisi sempre per il tempo, oltre alla pulizia del carburatore, le cinghie sono da cambiare ma reggono ancora e il terminale della marmitta è leggermente crepato ma può ancora andare, il resto tutto ok. Poi come dicevi tu la solita lungaggine burocratica italiana, in quanto l'auto non era mai stata immatricolata, quindi ho dovuto prima tramite ASI ottenere il certificato di rilevanza storica, poi portare l'auto con il carro attrezzi a sostenere il collaudo alla motorizzazione, superato il quale ho avuto le targhe, fatta l'assicurazione, e poi ottenuto il libretto di circolazione con già riportato la dicitura auto di rilevanza storica iscritta ASI al n...…. Adesso mi deve arrivare il certificato di proprietà con l'iscrizione al PRA e così posso pagare il bollo ridotto al 50%. In effetti mi avevano fatto le foto degli interni della Oltcit ma hanno messo solo quelle della Axel, per loro scelte. Però la foto del vano motore a pag.63 è quella della Oltcit. 
  

Offline toni

Ciao a tutti gli amici citronici, volevo precisare che nel servizio pubblicato su Ruoteclassiche è riportato il prezzo in pronta consegna di 8 milioni, mentre l'Axel l'ho pagata poco più di 7 milioni per lo sconto applicato dalla Concessionaria. Poi i sedili anteriori, in realtà avanzano, come si può vedere nella foto degli interni a pag.63 (leva nera presente sul sedile). Inoltre, anche se le frecce non ritornano, con un po' di manualità si riesce ugualmente a riportarle in posizione di partenza senza staccare le mani dal volante. Il giornalista, molto professionale, quando è venuto a fare il servizio a Rovigo, la prima cosa che ha chiesto è stata quella di voler guidare l'Axel, per apprezzare le sensazioni di guida, ma essendo la prima volta non era abituato. Anche il fotografo è stato molto professionale nella gestione delle foto da fermo e in movimento delle auto, gestendo situazioni anche pericolose. Per questo li ho ringraziati apertamente.