Autore Topic: CITROEN DS cabrio vs DS 3 cabrio  (Letto 6551 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline GilC3

1:19

http://www.alvolante.it/video/citroen-ds-il-raduno
E più avanti l'arrivo in piazza della gialla DS3 che si infila tra le vere DS, ed il "figuro" ben noto a tutti noi che continua nel suo tentativo di riscrivere la storia e magnificare le nuove auto [:grrr] (senza più le Idro [:grrr] [bestem]) e quindi, cercare di giustificare nel miglior modo possibile la nascita di DS Automobiles. [bestem]   
« Ultima modifica: 12 Luglio 2017, 19:34:57 da GilC3 »
  

Offline GilC3

O forse per lui, ed altri ignoranti, le Idro non contano più nulla...oggigiorno per loro, contano di più diavolerie elettroniche come i soliti touchscreens al centro plancia (io ne ho semplicemente orrore e terrore... e perciò non comprerei mai la C4 Cactus per non rischiare di impazzire anche solo per regolare la climatizzazione interna ed ascoltare un pò di musica; [:grrr] ma finora ho sempre fatto a meno anche del navigatore satellitare; io poi non sono un gran viaggiatore...); e poi certi look e finiture strane...le strumentazioni che sembrano "a luci stroboscopiche"...ed altre tali amenità. [XD]
  

Offline MarioCX

Ah! Ah!
E bravo l'aretino fedele ed obbediente a PSA come sempre....ben attento a non nominare il marchio Citroen come da direttive aziendali.
Il massimo apologeta del massacro Citroen a capo del Centro Documentazione Storica Citroen...sarebbe una contraddizioni in termini se il C.D.S.C. non fosse emanazione diretta di PSA, invece tutto torna.
Così come torna che sia stato messo ai margini dagli appassionati che si riconoscono nel RIASC.
 
Non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza.
  

Offline cristiano

Che questa politica di PSA sia davvero discutibile e che certi accostamenti tra illustre passato Citroen e mediocre presente DSA siano forzati e anche un po' ridicoli mi pare davvero cosa evidente e condivisa da molti appassionati del marchio (Citroen). Lo si é enfatizzato non solo a livello di Riasc e club federati (eccetto uno) attuando un indirizzo conseguente e coerente, ma anche in sede internazionale, con articoli "fuori dal coro", petizioni ecc. Altri appassionati si limitano a non commentare, dichiarando di non essere interessati al presente e gustandosi unicamente i propri cimeli legati al passato. Tutte considerazioni lecite e comportamenti giustificabili, ci mancherebbe. 
In aggiunta e questa mi pare la novità, leggendo sul forum Ideesse il dettaglio e alcuni commenti (davvero poco edificanti nella forma, ma condivisibili nella sostanza, auspico che l'equivoco e le successive scuse vogliano riferirsi solo al primo aspetto) relativi a questa ennesima iniziativa, parrebbe evincersi che anche tra alcuni soci di codesto club qualche perplessità inizi finalmente a palesarsi. Soci Ideesse chiamati "alla bisogna (di PSA)" per dar man forte (senza arrecar fastidio) a queste iniziative DSA coi propri cimeli (a titolo gratuito, in cambio di un contentino, o addirittura pagando cifre considerevoli, come sta avvenendo per il calendario DSA 2018), ove i siori giornalisti sono i personaggi centrali della faccenda, a cui sono riservate tutte le attenzioni (per ovvi motivi). Soci Ideesse che pure lamentano un progressivo venir meno delle attività basilari proprie del club (tesseramento puntuale, raduni, rivista, supporto concreto al Riasc ecc.), la cui gestione é forse ultimamente un po' troppo "distratta" dagli argomenti DSA e CDSC. Troppe commistioni, del resto, non sono salutari e nella vita bisogna pur decidere da che parte si sta, adottando atteggiamenti conseguenti e (possibilmente) coerenti.
« Ultima modifica: 13 Luglio 2017, 10:36:00 da cristiano »
DLuxe febbraio 1972
CX GTI Turbo serie2 marzo 1986
XM 16VSX luglio 1998
  

Offline RicDyane

Che questa politica di PSA sia davvero discutibile e che certi accostamenti tra illustre passato Citroen e mediocre presente DSA siano forzati e anche un po' ridicoli mi pare davvero cosa evidente e condivisa da molti appassionati del marchio (Citroen). Lo si é enfatizzato non solo a livello di Riasc e club federati (eccetto uno) attuando un indirizzo conseguente e coerente, ma anche in sede internazionale, con articoli "fuori dal coro", petizioni ecc. Altri appassionati si limitano a non commentare, dichiarando di non essere interessati al presente e gustandosi unicamente i propri cimeli legati al passato. Tutte considerazioni lecite e comportamenti giustificabili, ci mancherebbe. 
In aggiunta e questa mi pare la novità, leggendo sul forum Ideesse il dettaglio e alcuni commenti (davvero poco edificanti nella forma, ma condivisibili nella sostanza, auspico che l'equivoco e le successive scuse vogliano riferirsi solo al primo aspetto) relativi a questa ennesima iniziativa, parrebbe evincersi che anche tra alcuni soci di codesto club qualche perplessità inizi finalmente a palesarsi. Soci Ideesse chiamati "alla bisogna (di PSA)" per dar man forte a queste iniziative DSA coi propri cimeli (a titolo gratuito, in cambio di un contentino, o addirittura pagando cifre considerevoli, come sta avvenendo per il calendario DSA 2018), ove i siori giornalisti sono i personaggi centrali della faccenda, a cui sono riservate tutte le attenzioni (per ovvi motivi). Soci Ideesse che pure lamentano un progressivo venir meno delle attività basilari proprie del club (tesseramento puntuale, raduni, rivista, supporto concreto al Riasc ecc.), la cui gestione é forse ultimamente un po' troppo "distratta" dagli argomenti DSA. Troppe commistioni, del resto, non sono salutari e nella vita bisogna pur decidere da che parte si sta, adottando atteggiamenti coerenti.
ma quali sono i costi per chi fa parte del calendario? Non era pagato da DSA?
  

Offline cristiano

Qui trovi il dettaglio e anche i costi per i partecipanti: www.dscal2018.it
DLuxe febbraio 1972
CX GTI Turbo serie2 marzo 1986
XM 16VSX luglio 1998
  

E più avanti l'arrivo in piazza della gialla DS3 che si infila tra le vere DS, ed il "figuro" ben noto a tutti noi che continua nel suo tentativo di riscrivere la storia e magnificare le nuove auto [:grrr] (senza più le Idro [:grrr] [bestem]) e quindi, cercare di giustificare nel miglior modo possibile la nascita di DS Automobiles. [bestem]   
Il servizio è realizzato tecnicamente molto bene e fino all'arrivo della ds3 è pure godibile, peccato che dopo l'arrivo della macchinetta gialla si trasformi in uno gigantesco spottone, che ha come testimonial il responsabile del centro documentazione storica citroen (tutto in minuscolo).
Personalmente trovo la cosa molto, molto scoretta e ai limiti e anche oltre di ogni deontologia professionale (MM è gionalista, vero?),  ma se i proprietari di tali meravigliose automobili, sono contenti di pagare di tasca propria per girare uno spot made in Dsa/MM e farsi prendere allegramente per i fondelli , noi in fondo che ci possiamo fare?
Da bambino
Gs, Gsa, Cx, Bx.
Mie
Ax 1.0 TRE
Bx 1.6 TRS ceduta da mio padre
Xantia 1.6
Picasso 2.0 HDI (ho sofferto molto senza idro)
Xantia 2.0 HDI
In famiglia
Citroen C5 II 2.0 HDI
Fiat Barchetta
  

Offline MarioCX

Il servizio è realizzato tecnicamente molto bene e fino all'arrivo della ds3 è pure godibile, peccato che dopo l'arrivo della macchinetta gialla si trasformi in uno gigantesco spottone, che ha come testimonial il responsabile del centro documentazione storica citroen (tutto in minuscolo).
Personalmente trovo la cosa molto, molto scoretta e ai limiti e anche oltre di ogni deontologia professionale (MM è gionalista, vero?),  ma se i proprietari di tali meravigliose automobili, sono contenti di pagare di tasca propria per girare uno spot made in Dsa/MM e farsi prendere allegramente per i fondelli , noi in fondo che ci possiamo fare?

Niente.
Chi si vuol far pigliare per i fondelli da dsa/mm ha il diritto di farlo.
Non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza.