Autore Topic: Ruoteclassiche Luglio 2015  (Letto 10385 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline novas68

  • Citro-passionné
  • ***
  • Post: 1097
  • Give peace a Change
Ciao a tutti,

dopo aver letto sempre qui, qualcosa che riguardava la "Storia" di Citroen da parte di Peugeot, ed aver letto l 'articolo di ruoteclassiche di Luglio, mi sento di dire che Citroen, in questo caso Italia si dovrebbe vergognare .

Una delle DS del servizio è stata acquistata e fatta  restaurare per tale scopo!!!!

Assurdo !!!

Citroen Italia non possiede un 'esemplare di DS, cose mai viste.........una vera vergogna........ed io che pensavo che possedessero anche CX ,Dyane,Bx  che sognatore........che tristezza.......

Be comunque la cosa "bella" è che qualcuno disinteressatamente  da questo affare,come sempre, ne ha tratto beneficio, chiaramente facendolo passare come atto dovuto nei confronti della storicità del marchio, si certo.

Inoltre  ora Citroen Italia, sa dove andare per acquistare altre old Citroen, con annesso l'apporto di restauratori, trasportatori e ricambisti, chiaramente disinteressati e sempre pronti  per la grande passione che li lega allo storico  marchio, continuando cosi nella parte dei buoni Samaritani.

C 'est la vie....

Un saluto.
Citroen CX 25 D Super Blue Polaire 1979
  

Offline Martini

Ciao a tutti,

dopo aver letto sempre qui, qualcosa che riguardava la "Storia" di Citroen da parte di Peugeot, ed aver letto l 'articolo di ruoteclassiche di Luglio, mi sento di dire che Citroen, in questo caso Italia si dovrebbe vergognare .

Una delle DS del servizio è stata acquistata e fatta  restaurare per tale scopo!!!!

Assurdo !!!

Citroen Italia non possiede un 'esemplare di DS, cose mai viste.........una vera vergogna........ed io che pensavo che possedessero anche CX ,Dyane,Bx  che sognatore........che tristezza.......

Be comunque la cosa "bella" è che qualcuno disinteressatamente  da questo affare,come sempre, ne ha tratto beneficio, chiaramente facendolo passare come atto dovuto nei confronti della storicità del marchio, si certo.

Inoltre  ora Citroen Italia, sa dove andare per acquistare altre old Citroen, con annesso l'apporto di restauratori, trasportatori e ricambisti, chiaramente disinteressati e sempre pronti  per la grande passione che li lega allo storico  marchio, continuando cosi nella parte dei buoni Samaritani.

C 'est la vie....

Un saluto.

Tu non ci sei mai stato al Conservatoire, vero? E' questo: https://www.google.it/search?q=conservatoire+citroen&biw=1680&bih=925&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ved=0CCwQsARqFQoTCLC8xsfn6cYCFUGyFAodszAP-A
Citroën possiede un esemplare praticamente per ogni versione prodotta di ogni modello. Inclusi quasi tutti i prototipi e gli esemplari unici.
Quella che è stata acquistata e restaurata, è una DS da aggiungere al parco stampa della filiale italiana, accanto ad altre vetture storiche presenti che saranno prestate ai giornalisti per prove anche di lunga durata.
Per spiegare ai giornalisti di oggi cos'erano le Citroën di una volta.

Di cosa dovrebbe vergognarsi Citroën?
«Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.» W. Allen
  

Offline novas68

  • Citro-passionné
  • ***
  • Post: 1097
  • Give peace a Change
No, non ci sono mai stato.

Pero' pensavo di essere stato chiaro, e' di Citroen Italia che io parlo anzi scrivo.....

Sarà' anche come sostieni tu, ma il fatto reale e' che per far provare a dei giornalisti una DS , Citroen Italia ha dovuto, oltre l acquisto farle anche un restauro.... Un trasporto, ecc ecc.   Da non credere.... comunque contenta lei, contenti tutti.

Probabilmente fingi di non capire il senso, poco male io ci ho provato.

Citroen CX 25 D Super Blue Polaire 1979
  

Offline Martini

No, non ci sono mai stato.

Pero' pensavo di essere stato chiaro, e' di Citroen Italia che io parlo anzi scrivo.....

Sarà' anche come sostieni tu, ma il fatto reale e' che per far provare a dei giornalisti una DS , Citroen Italia ha dovuto, oltre l acquisto farle anche un restauro.... Un trasporto, ecc ecc.   Da non credere.... comunque contenta lei, contenti tutti.

Probabilmente fingi di non capire il senso, poco male io ci ho provato.



Continuo a non capire: tu parli di Citroën Italia e di Citroën "Parigi" come fossero due cose diverse... ma guarda che è la stessa azienda eh, che poi è un ramo di PSA. Stessi uffici, stessa direzione.

Dici che Citroën ha dovuto restaurare l'auto oltre che comprarla.
Si, è stata una scelta. Del progetto (come di quello della 2CV Soleil e della VISA Chrono) mi sono occupato io come Centro Documentazione.
Io ho scelto collaboratori e collaborazioni.

Come per la Soleil e la VISA, potevamo comprare auto pronte, in ordine o restaurate.
Invece abbiamo deciso di comprarne in cattive condizioni, così cattive che un appassionato difficilmente avrebbe investito le cifre necessarie al restauro. Salvandole, di fatto.

Questo perché ci interessava raccontare anche le storie di chi queste auto le restaura.

Ti basti sapere che nel caso della DS il restauro è stato affidato ad un appassionato che non lavora per terze persone, ma solo per la sua collezione: Massimo Viganò.

Se hai altre domande e curiosità, ti prego, chiedi: non ci sono segreti dietro queste operazioni.
«Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.» W. Allen
  

Offline RicDyane

Sarà' anche come sostieni tu, ma il fatto reale e' che per far provare a dei giornalisti una DS , Citroen Italia ha dovuto, oltre l acquisto farle anche un restauro.... Un trasporto, ecc ecc.   Da non credere.... comunque contenta lei, contenti tutti.
E' chiaro che si tratta di un'iniziativa a scopo commerciale...
  

Offline Martini

Sarà' anche come sostieni tu, ma il fatto reale e' che per far provare a dei giornalisti una DS , Citroen Italia ha dovuto, oltre l acquisto farle anche un restauro.... Un trasporto, ecc ecc.   Da non credere.... comunque contenta lei, contenti tutti.
E' chiaro che si tratta di un'iniziativa a scopo commerciale...

Si, certo, Citroën non è una ONLUS.
Ma si tratta di pubblicità indiretta con ritorni sul piano dell'immagine e non su quello delle vendite.
E questo non può che far bene alla storia dell'azienda.
Un'operazione "alla Wolgen", come spero ce ne saranno molte altre.
«Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.» W. Allen
  

Offline RicDyane

Sì, certo che non è una ONLUS, mi riferivo a novas che non capiva il senso di Citroen Italia di acquistare e poi restaurare una sua auto...
  

Offline robyazz

Ti basti sapere che nel caso della DS il restauro è stato affidato ad un appassionato che non lavora per terze persone, ma solo per la sua collezione: Massimo Viganò.

Stai scherzando o cosa  :o :o ??
BLOCCO EURO 0, IMBROGLIO VERO

Citroen CX 2.5 i Prestige Automatic 1985 / Citroen C6 2.7 V6 Bi-Turbo 24V HDi FAP Exclusive 2006 / Citroen C5 Break 2.0 i 16V Exclusive Automatic GPL 2006 / D Super5 GPL 1974
  

Offline Martini

Ti basti sapere che nel caso della DS il restauro è stato affidato ad un appassionato che non lavora per terze persone, ma solo per la sua collezione: Massimo Viganò.

Stai scherzando o cosa  :o :o ??

Sto dicendo la verità Roberto. Massimo lavora solo per se, non per il pubblico. Non lo sapevi?
«Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.» W. Allen
  

Offline robyazz

Maurizio, ora basta davvero. Se vuoi prendere per culo chi scende dalla pianta ora, va benissimo, però almeno per i più anziani, risparmia queste stronzate. Chi frequenta il mondo Citroen da un po' di anni, sa benissimo che la verità è un'altra, fino a qualche tempo fa c'era tanto di sito con DS restaurate in vendita, ora non so, perché non ci guardo da un bel po' e, non fosse stato per questa bella sparata, manco mi frega una cippa.
Nulla di male, né, per carità, però finiamola con questi teatrini dei buoni samaritani, è chiedere troppo ??
BLOCCO EURO 0, IMBROGLIO VERO

Citroen CX 2.5 i Prestige Automatic 1985 / Citroen C6 2.7 V6 Bi-Turbo 24V HDi FAP Exclusive 2006 / Citroen C5 Break 2.0 i 16V Exclusive Automatic GPL 2006 / D Super5 GPL 1974
  

Offline Martini

Maurizio, ora basta davvero. Se vuoi prendere per culo chi scende dalla pianta ora, va benissimo, però almeno per i più anziani, risparmia queste stronzate. Chi frequenta il mondo Citroen da un po' di anni, sa benissimo che la verità è un'altra, fino a qualche tempo fa c'era tanto di sito con DS restaurate in vendita, ora non so, perché non ci guardo da un bel po' e, non fosse stato per questa bella sparata, manco mi frega una cippa.
Nulla di male, né, per carità, però finiamola con questi teatrini dei buoni samaritani, è chiedere troppo ??

Robertino, secondo me hai dei problemi col caldo.
Il sito di Massimo esiste eccome: www.lemiecitroends.it
Contiene le foto della sua collezione e dei restauri delle SUE auto.
Può averne venduta qualcuna per comprarne altre, come fai tu e come ho fatto io. Ma non è un commercio ne attività conto terzi.
Massimo semplicemente può permettersi questa passione, dov'è il reato?

Ha fatto un'eccezione per Citroën, vendendoci un rottame e restaurandolo.
Voi sapere quanto abbiamo speso? Circa 26.000 euro. Per questo risultato: http://www.repubblica.it/motori/sezioni/classic-cars/2015/06/04/news/ds_23-116042564/
Meno di quanto avremmo pagato qualsiasi 23 Pallas con interno in cuoio, non certo in queste condizioni.

Se tu (o chiunque altro) vai a chiedere a Massimo se ti restaura un'automobile, troverai una porta chiusa.

Non ci credi? Leggi Ruoteclassiche di maggio, che dedica diverse pagine alla collezione Viganò e che spiega molto bene che Massimo non lavora conto terzi, con l'unica eccezione di una certa DS23 di cui (a maggio) non si poteva dire il committente.
«Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.» W. Allen
  

Offline AndreaV6

Dio mio che confusione ha creato questo benedetto marchio "DS".....

A mio avviso hanno sbagliato tutto fin dall'inizio ed ormai è tardi.

Ripeto e ribadisco, lanciare un brand partendo da auto marchiate Citroen e ristilizzarle cambiandole solo il nome è stato un grande azzardo  per non dire altro. Il secondo azzardo è stato quello di usare il nome della Dea, che porta con se un'eredità decisamente troppo pesante per i modelli attuali e per finire l'assenza di soluzioni tecniche che hanno reso quello che è oggi per noi la Dea, vedi sospensioni idropneumatiche. Perchè ricordiamocelo bene, noi oggi veneriamo la Dea per quello che ha rappresentato in termini di innovazione per l'epoca, un nuovo mito non lo si crea riutilizzando semplicemente il nome di un modello.
L'errore  a mio avviso è stato fatto 4/5 anni fa, quando al posto di investire soldi per una nuova gamma di modelli che tra le altre cose non è stata capita (basta guardare i dati di vendita) era sufficiente investire in modelli Citroen, e non raccontiamoci che le berline e le break non sono più apprezzate dalla clientela, basti guardare le nuove Alfa Giulia, Renault Talisman, Audì A4; tutti pazzi a produrle ed investirci? Chi rimane senza la sua berlina? Citroen e basta! Per Citroen però quest'ultima rappresentava molto di più di una semplice fascia di mercato, rappresentava la sua identità. Perchè è inutile dire che se fermi uno per la strada e gli chiedi di descriverti una  Citroen ti risponde che sono quelle che si alzano e si abbassano.
E' vero che in passato ci sono stati dei buchi generazionali tra i modelli ma non siamo mai stati senza sospensioni "speciali" dal dopo guerra a questa parte. A questo punto spero solo di vedere al più presto cosa si inventeranno sulla futura ammiraglia Ds anche se questo nuovo marchio purtroppo per me rappresenta ancora poco

Detto questo domenica sono passato in macchina davanti alla succursale Citroen di Via Gattamelata e ammetto che mi ha fatto davvero senso vedere una Ds 21 "nell'angolo nero" del salone insieme ai modelli Ds. Inoltre con rammarico ho notato  nella parte Citroen ci sono solo C1, C3, C3 Picasso e C4 Picasso e di C5 neanche l'ombra.

Ps
A breve arriverà anche Peugeot in Gattamelata con il suoi fantastici pannelli blu vicino a quelli neri di DS (cromaticamente è un pugno in un occhio).... Sarà per questo che il Milan la farà abbattere per il suo stadio? [:allops]
Che amarezza....
Odierne
* C5 X7 2.0HDi Executive
* C4 Cactus 1.2 110cv Puretech Shine Edition
* Lotus Elise R

Passate
Xantia Break 2.0i 16v Exclusive
Xantia 1.8i Prestige
Xsara Picasso 2.0HDi  Exclusive
Bx 1.4 TGE Vip
C2 1.6i 16v VTS
  

Offline Martini

Andrea, cosa c'entrano le DS attuali? Ruoteclassiche di luglio e quello di maggio non contengono una sola immagine di DS3, 4 o 5: ci sono DS19, 20, 21 e 23. Persino qualche D e ID.
Se poi vogliamo ripetere all'inverosimile gli stessi discorsi e rimettere in ogni topic gli stessi discorsi, è un'altra storia  :D
«Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.» W. Allen
  

Andrea, cosa c'entrano le DS attuali? Ruoteclassiche di luglio e quello di maggio non contengono una sola immagine di DS3, 4 o 5: ci sono DS19, 20, 21 e 23. Persino qualche D e ID.
Se poi vogliamo ripetere all'inverosimile gli stessi discorsi e rimettere in ogni topic gli stessi discorsi, è un'altra storia  :D

Fammi capire, su Repubblica è attualità, mentre lo stesso articolo rimaneggiato su Ruoteclassiche è un omaggio?
Scusami ma l'operazione commerciale o meglio pubblicitaria non è sempre la stessa, come per altro il suo significato? Ds originale che spinge le nuove Ds, e di come la Citroen ci tenga un sacco alla sua storia?
A parte un ottimo ufficio stampa che evidentemente sa lavorare bene, spendendo anche poco, 26.000 euro per una campagna pubblicitaria è un buon prezzo, ma il succo del discorso di queste iniziative è sempre lo stesso come lo scopo.
E' evidente che alla Citroen della sua storia non importa nulla, viste le scelte che tutti stiamo discutendo e il loghetto Ds ne esce massacrato rispetto all'innovazione della Ds vera, e di fronte all'evidenza anche un furbo ufficio stampa puo' fare poco, perchè semplicemente non c'è il prodotto e perchè pare altrettanto evidente che psa stia buttando nel cesso anni innovazioni Citroen.
Mi sembra logico che alle stesse operazioni si pongano sempre le stesse obiezioni è anche logico che Citroen faccia proprio una brutta figura.

« Ultima modifica: 21 Luglio 2015, 17:40:14 da El_Furri »
Da bambino
Gs, Gsa, Cx, Bx.
Mie
Ax 1.0 TRE
Bx 1.6 TRS ceduta da mio padre
Xantia 1.6
Picasso 2.0 HDI (ho sofferto molto senza idro)
Xantia 2.0 HDI
In famiglia
Citroen C5 II 2.0 HDI
Fiat Barchetta
  

Offline AndreaV6

Andrea, cosa c'entrano le DS attuali? Ruoteclassiche di luglio e quello di maggio non contengono una sola immagine di DS3, 4 o 5: ci sono DS19, 20, 21 e 23. Persino qualche D e ID.
Se poi vogliamo ripetere all'inverosimile gli stessi discorsi e rimettere in ogni topic gli stessi discorsi, è un'altra storia  :D

Perchè si vede la Ds 23 che viene sbandierata in ogni dove si parli del brand DS :)  [old]

Chissà come mai tutta questa passione ritrovata per la dea :D  [hydro]
« Ultima modifica: 21 Luglio 2015, 17:44:35 da AndreaV6 »
Odierne
* C5 X7 2.0HDi Executive
* C4 Cactus 1.2 110cv Puretech Shine Edition
* Lotus Elise R

Passate
Xantia Break 2.0i 16v Exclusive
Xantia 1.8i Prestige
Xsara Picasso 2.0HDi  Exclusive
Bx 1.4 TGE Vip
C2 1.6i 16v VTS